Sportweek, Tagliavento: “Ecco come andò al derby di Boselli”

L'ex arbitro, ora dirigente della Ternana, racconta all'inserto della Gazzetta dello Sport le sue quattro stracittadine della Lanterna, con un occhio particolare su quella dell'8 maggio 2011

2573
Paolo Tagliavento (Gabriele Maltinti/Getty Images)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Paolo Tagliavento, ex arbitro e ora dirigente della Ternana, ha raccontato a Sportweek (inserto della Gazzetta dello Sport) le sue quattro stracittadine della Lanterna, con un occhio particolare su quella dell’8 maggio 2011. L’ex fischietto umbro spiega che era iniziato il recupero con la Gradinata Nord che contestava il Genoa che si stava accontentando del pareggio e aveva un uomo in meno: Mesto era stato espulso. “Chiedo al quarto uomo – racconta – di farmi il conto alla rovescia degli ultimi secondi, così da non distrarmi nel controllo dell’orologio. Sento nell’auricolare: “10, 9, 8…al 3 prendo il fischietto e nello stesso istante Boselli stoppa, si gira e segna. La parte genoana dello stadio esplode di gioia, l’altra si dispera”.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.