Ballardini: “Parma squadra impegnativa. L’assenza di Gervinho? Sarà uno stimolo”

Il tecnico nella conferenza a Villa Rostan: "Sandro? Si sta allenando. Ha bisogno di fare un percorso differenziato, la strada è comunque quella giusta"

821
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Mattinata in conferenza stampa per Davide di Ballardini nel consueto contesto di Villa Rostan. Il mister ha messo in guardia il Grifone per l’assenza dei pezzi forti del Parma: “Sono situazioni che rendono una squadra più attenta e compatta per la voglia di dimostrare di essere competitiva. Sono situazioni che danno forza a un gruppo. I gialloblu non saranno sempre bellissimi da vedere, ma sono straordinariamente efficaci ed umili nella gestione della partita. Sanno ottenere quello che vogliono. Sandro? Si sta allenando. Ha bisogno di fare un percorso differenziato, la strada è comunque quella giusta”.

Sandro Ballardini
Sandro e Ballardini (foto di Genoa CFC Tanopress)

Il mister ha poi proseguito: “Ho segnali forti dai miei ragazzi, domani però non conta ciò che abbiamo fatto fino ad oggi e la testa deve essere solo rivolta al Parma. Nel campionato italiano non è così preponderante l’estetica quanto l’imprevedibilità di ogni partita, ciò che il Parma ha fatto a Milano è la prova di quanto dico”.
Ballardini ha tracciato un piccolo bilancio del primo periodo: “Il Genoa a parte due passi falsi ha sempre dimostrato di saper stare in campo, sono soddisfatto. Contro il Parma è importante il risultato, ma ciò che voglio vedere è la continuità di prestazione. Kouamé? È un ragazzo di prospettiva e sta facendo molto bene. Favilli è un giocatore di grande prospettiva. Piatek fa sempre tanto nei novanta minuti e riesce ad essere incisivo, troverà delle difficoltà che saprà affrontare senza paura. Come ho detto in precedeva rispetto alla passata stagione ci siamo rinforzati in attacco”.

Kouamé Kouamé Kouame
Christian Kouamé (foto di Genoa CFC Tanopress)

Sulla posizione di Criscito: “Ha sempre fatto il terzino sinistro dei quattro, lui sa fare bene tutto ma si trova più a suo agio come terzo centrale di sinistra. Mi piace come interpreta il gioco, lo farei giocare anche regista”.
Infine il mister ha parlato di Medeiros: “Sta  bene e ha le caratteristiche per incidere. Si trova meglio come trequartista, però ha bisogno di sostegno. A Roma così non è stato”.

Criscito
Criscito in azione (foto di Genoa CFC Tanopress)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.