Ballardini: “Genoa ripeti questa prestazione e ti salverai”

Il tecnico rossoblù in conferenza stampa. "Grande prestazione, in pochi hanno messo il Napoli in difficoltà come noi. Non pensiamo alle sconfitte ma a riproporre questo genere di prestazioni".

77
Chiarimento tra Bertolacci e Ballardini (foto di Genoa CFC Tanopress)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

E’ un Davide Ballardini soddisfatto quello intervenuto ai microfoni di Radio Nostalgia nel post gara di Napoli-Genoa. Nonostante la sconfitta al suo Genoa può rimproverare poco, perchè la prestazione è stata importante, con il Napoli in difficoltà per buona parte del primo tempo. Di seguito le dichiarazioni del tecnico rossoblù in conferenza stampa. «È vero, il Genoa ha avuto varie occasioni. Venire qui e giocare in questo modo è un segno di buona prestazione, generale.  Abbiamo concesso poco, e spesso lo abbiamo fatto su nostri errori. Dopo una partita così ti tieni la bella prestazione fatta: è un segnale forte dato dal Genoa.  Taraabt ha avuto un’occasione da gol. Siamo ripartiti anche con Galabinov, Rosi, Lazovic. Il Napoli ha una qualità di gioco straordinaria, il Genoa ha tenuto testa agli azzurri: non si è limitato soltanto a non subire tanto il Napoli, ma ha cercato di fargli male. Ho fatto i complimenti ai miei ragazzi, c’è dispiacere, ma la prestazione è stata importante. Il Genoa sa bene cosa deve fare da qui alla fine, ogni giocatore sa cosa serve da qui alla fine, la prestazione  di questa sera conferma che ogni calciatore è dentro a ciò che bisogna fare. Ci sono squadre che hanno perso 5-6 partite, sarebbe preoccupante una non prestazione, un atteggiamento sbagliato. qui c’è generosità, compattezza e anche qualità: valutiamo questo, non fermiamoci alle sconfitte.  Giuseppe (Rossi ndr) ha giocato pochi palloni, lui deve cercare di allenarsi sempre con i compagni. Con più allenamenti nelle gambe potrà dimostrate ciò che tutti sappiamo.  Lui si sta allenando da due settimane con la squadra, da qui in avanti siamo focalizzati su quanti allenamenti fargli mettere nelle gambe, perchè poi lui è un tutt’uno con la palla. Lazovic ha fatto delle cose importanti, ha messo davvero in difficoltà gli avversari. Non è stato continuo ma ha fatto vedere le sue qualità. Noi vogliamo un Lazovic che dimostri sempre le sue qualità, sempre nel vivo del gioco ed incisivo in entrambe le fasi con determinazione . Il Napoli è certamente la squadra che gioca meglio, ha la fortuna di non fare più le coppe ed ha una sola competizione, mentre la Juve ha ancora tre competizioni da portare avanti, questo può essere un vantaggio per il Napoli. Se devo giudicare la prestazione di questa sera, la rosa, l’ambiente e l’abitudine a vincere allora vedo favorita la Juve, ma sono sicuro che il Napoli tornerà a crescere nella qualità del gioco. Il fatto che si sia nuovamente avvicinato alla vetta  può dare forza e determinazione a questa squadra. Mi auguro sia così, perché il Napoli è la squadra che gioca meglio.  Sono sorpreso di essere diventato un allenatore di serie A, all’epoca della Sambenedettese venivo dal settore giovanile . Il Napoli di allora aveva la stessa proprietà di oggi, una proprietà con le idee chiare, anche nella scelta dei giocatori. Mi sembra che negli anni siano diventati sempre più bravi, alzando il livello qualitativo in tutte le componenti della società, complimenti davvero al Napoli.  Io penso che la salvezza sia  vicino ai 40 punti,  ma non lo so, è una quota indicativa. La mia idea e che il Genoa debba far sempre queste partite, altri pensieri non devono esserci».

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.