Andreazzoli: «Qualche problema fisico, ma il Genoa era quadrato»

Il tecnico rossoblù ai microfoni di Radio Nostalgia. «Gli episodi indirizzano le partite e influenzano l'aspetto mentale: il Genoa ha comunque cercato di reagire»

2326
Andreazzoli Genoa
Aurelio Andreazzoli (foto di Genoa CFC Tanopress)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Seconda sconfitta consecutiva per il Genoa, ma questo di Cagliari può essere considerato il primo vero ko stagionale. Dopo un primo tempo gagliardo, il Grifone va subito in svantaggio alla ripresa delle ostilità, rimonta, ma questa volta non riesce a completare l’opera, mostrando idee appannante e gambe poco brillanti. Il tecnico del Genoa Andreazzoli ha così commentato la sconfitta dei suoi in quel di Cagliari ai microfoni di Radio Nostalgia. «Abbiamo preso gol subito ed è cambiata la partita. La squadra, nonostante avesse qualche incertezza dal punto di vista fisico su qualcuno, e non sapevamo se fare cambio o meno, dopo è tornata quadrata ed abbiamo creato qualche occasione importante, oltre al gol di Kouamé. Contro questi avversari così brillanti in contropiede diventa difficile come è diventata.  Sono gli episodi che cambiano le partite e  il corso della gara, ma anche l’aspetto mentale: la squadra ha comunque cercato di reagire. Il Cagliari andava solo in contropiede, si chiudeva togliendoci spazio per poi ripartire. I cinque cambi nella formazione iniziale? Ero certo delle scelte, perchè io voglio aiutare la squadra, mica penalizzarla».

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.