Sarà El Yamiq il nuovo difensore del Genoa: tutti i retroscena

La clausola risolutoria del contratto è fissata a 800mila dollari che al cambio fanno circa 650mila euro: trattativa ormai prossima al perfezionamento

69
(dalla sua pagina Facebook)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

I recenti e plurimi problemi per il tesseramento di Jawad El Yamiq al Genoa dovrebbero essere superati. Il condizionale è sempre d’obbligo in una materia liquida come il calciomercato. Il difensore marocchino si appresta a diventare il puntello di un reparto già affiatato. Le complicazioni che hanno portato al rallentamento della trattativa si ascrivono a tre principali punti.

Il primo riguarda un capriccio del presidente del Raja Casablanca, club che imperversa in una difficile crisi economica: il patron marocchino non ha rispettato i termini e le scadenze dell’affare imposti dal Genoa, gonfiando inverosimilmente il costo del cartellino di El Yamiq (seguito da vicino dal Galatasaray). Dopo che gli uomini mercato del Grifo hanno tirato il freno è iniziato a suonare l’allarme rosso nella società di Casablanca, la quale è tornata a miti consigli. Poi il passaporto di El Yamiq. Il documento originale è negli uffici CAF, la Federcalcio afriacana: delle lungaggini burocratiche rischiavano di far saltare la restituzione del passaporto in tempo per il volo aereo. Con lo slittamento della trattativa pure questo intralcio può dirsi superato.

Infine Ballardini ha riflettuto a lungo su El Yamiq. Dopo l’iniziale assenso, il tecnico di Lugo è stato assalito dal dubbio della lingua (Jawad parla principalmente arabo), tema che si riconnette al coordinamento con i futuri ed eventuali compagni di reparto. Dopo aver ricevuto la telefonata di Achraf Lazaar, ex giocatore che ha allenato al Palermo, Ballardini si è convinto: El Yamiq è da Genoa. La clausola risolutoria è di 800mila dollari, circa 650mila euro per il compagno di reparto di Benatia ai Mondiali in Russia. Il margine di rischio esiste come in ogni affare ma solo il campo, e nessun altro, potrà dire se l’investimento di Preziosi è stato azzeccato.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.