Preziosi: “Prenderemo sicuramente un centrale difensivo”

Il presidente dopo l'amichevole col Cuneo: "Lisandro Lopez vuol venire, il tira e molla è dovuto alle formule che cambiano". E aggiunge: "La rosa va sfoltita"

4460
Enrico Preziosi con Mario Donatelli (al centro) e Giorgio Perinetti (a sinistra) in tribuna a Brunico (Foto Genoa cfc -Tanopress)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

“Il calcio estivo fornisce indicazioni sommarie, ma occorre aspettare le partite vere”. Al termine dell’amichevole col Cuneo, il presidente del Genoa Enrico Preziosi ha parlato delle prossime mosse di mercato. Ecco, punto per punto, quanto riportato dal sito ufficiale rossoblù.

DIFESA – Complessivamente stiamo valutando ancora le prossime mosse. Sicuramente prenderemo un centrale difensivo, Spolli è una garanzia ma ha i suoi anni. Lisandro Lopez vuol venire, il tira e molla è dovuto alle formule che cambiano.

ROLON – “Con Rolon ci siamo garantiti un’alternativa a centrocampo. Lo inseguivamo dallo scorso anno, appena si è reso disponibile abbiamo affondato il colpo”.

FAVILLI – “E’ stato espresso il nostro interesse, abbiamo presentato un’offerta importante. Se i due gol realizzati ieri favoriranno ripensamenti, è un altro discorso. Lo avevamo adocchiato già ai tempi del Livorno. Poi la Juve era stata più brava, veloce, danarosa. Le basi per chiudere ci sono: i rapporti sono cordiali e il giocatore risulta abbia dato il proprio assenso. Crediamo in lui, non parteciperemo ad aste”.

PIATEK – “Il calcio estivo aiuta a capire più che altro le qualità dei giocatori. Piatek per esempio mi piace molto, è un attaccante moderno e completo. Ballardini ha avallato la scelta, la condivisione del tecnico è necessaria per portare al termine le operazioni. E’ un vantaggio partire per lui dall’inizio”.

LAPADULA – “Con Lapadula ci siamo parlati, le cose dette restano tra noi”.

RIDUZIONE ROSA – “La rosa va sfoltita, e a questo ci penseranno Perinetti e Donatelli. Il Genoa è una società che non va in conflitto con i giocatori. I nostri hanno dei valori. Semmai cerca con loro le soluzioni”.

CALENDARIO – “Meglio un inizio morbido: una buona partenza aiuterebbe sotto il profilo del morale. Vincere aiuta a vincere. Credo sia venuto il momento di tornare allo stadio e seguire più da vicino la squadra”.

ACQUISTO FERRARIS – “La valutazione di 18 milioni data al Ferraris è una cifra sparata così. Nessuno al mondo potrebbe sostenere una spesa del genere. L’investimento maggiore, per la città, sarà collegato ai lavori che le due società, nel caso, faranno per modernizzarlo”.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.