Preziosi, dai diritti tv in Lega al vertice con la Juve per Perin

Il presidente incontrerà la dirigenza bianconera entro mercoledì. La sensazione è che la trattativa si concluderà in quell'occasione, a prescindere dall'esito

174
Preziosi Genoa
Il presidente Enrico Preziosi (foto di Genoa CFC Tanopress)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Al termine di un’assemblea fiume a Milano Preziosi ha riscaldato la trattativa Perin che da qualche giorno aveva imboccato il binario del silenzio. In Lega all’ordine del giorno c’era il rovente tema dei diritti televisivi del triennio ’18-’21, in altre parole gli introiti pro capite che costituiscono almeno tre quarti del bilancio di gran parte dei club di Serie A. Sparisce Mediagol, riemerge Sky con un guizzo da salmone: piuttosto chiaro dove si vedrà il calcio italiano dall’anno prossimo. Il Genoa, che in seguito all’emendamento della legge Melandri guadagnerà circa venti milioni in più rispetto al passato (56-36), ha fatto la sua parte prendendo parte a ogni seduta. Da oggi è tempo di calciomercato.

Perin, appunto. Il presidente del Genoa è stato chiaro: ha in agenda un vertice con la Juventus che si celebrerà entro mercoledì. La sensazione è che la trattativa si concluderà in quell’occasione, a prescindere dall’esito. Tra due giorni sapremo se Perin sarà il nuovo portiere dei bianconeri oppure tutto resterà come prima. Di prezzi non ne sono stati fatti per mancanza di tempo materiale ma la teorica quantificazione non richiede una laurea in economia: venti milioni, su per giù, a causa del contratto in scadenza nel 2019. Perin e il suo intermediario sono persone leali e hanno già comunicato a Preziosi che non lasceranno mai il Genoa a parametro zero. La possibilità di monetizzare una plusvalenza importante sono alte.

La trattativa Perin si sta giocando su più tavoli ma senza alcuna asta. Occhio agli sviluppi a Napoli perché l’acquisto di Rui Patricio sarebbe prodromico all’abbandono dell’obiettivo Perin. Un candidato che si sfila alla corsa per l’Airone rossoblù. La Roma sembra intenzionata a compiere grandi sacrifici pur di tenere Alisson ancora un anno. Per queste ragioni assumerà maggiore rilievo il mercato internazionale nell’ipotesi di fallimento della trattativa con la Juventus. A ogni buon conto Preziosi ha riscaldato una trattativa che da qualche giorno era finita sul binario del silenzio.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.