Per il Genoa occorrono rinforzi veri, non i nomi che abbiamo sentito finora

Se non si cambia registro subito, l’inferno della serie B si avvicinerà a passi distesi

4803
Sirianni Preziosi
Vittorio Sirianni
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Ora Nicola deve davvero darsi una regolata (in senso buono). Lasci perdere De Andrè, lasci perdere il «vento siamo noi». Perchè questo vento, ahimé, sta soffiando, forte, contro di lui e i suoi. Attenzione, Nicola parla in termini sempre ottimistici e positivi, ma i risultati dicono che, dopo tredici anni, se si va avanti così (basta vedere le prossime tre partite), si finisce direttamente tra i cadetti. Nicola dice tante belle parole, e molto giuste: «Potevamo dare di più» (già, ma perché non lo avete dato?), ancora «siamo forse un po’ stanchi» (già e allora che si fa?), «i ragazzi danno l’anima ed è così che dobbiamo continuare a fare» (già, ma facendo così i risultati sono questi).

E allora? Allora, Nicola ha voluto osservare tre partite, dalle quali (aveva detto) avrebbe tratto le sue conclusioni e portate al presidente perchè provveda. In verità, queste tre partite avevano manifestato anche aspetti positivi: vittoria col Sassuolo, bella gara o comunque generosa col Torino in Coppa Italia (solo la stolidità di quell’ingenuo e pappa-molla di Radovanovic l’ha rovinata) e infine questa brutta pagina col Verona. Aveva detto Nicola: «Dopo queste dirò quello che penso al presidente». Bene, è arrivato il momento. Che dovrà dire a Preziosi? Una cosa fondamentale: ci vogliono rinforzi, ma rinforzi veri, non quelli che sentiamo sui giornali (almeno questa è la nostra opinione). Già sono arrivati i vari Destro e Behrami, che sono ancora in pieno rodaggio. Ora si parla di possibili acquisti che, onestamente, lasciano a desiderare parecchio.

L’altra lettura che Nicola dovrà fare riguarda il rapporto con i giocatori che, per la verità, danno davvero parecchio in termini di cuore e di generosità, ma i risultati sono scarsi, soprattutto sul piano del gioco. E poi, mentre qualche tempo fa il problema era l’attacco, ora si sente dire che il problema sia la difesa dove pare manchino giocatori, perché uno è stanco, l’altro poco attento (leggi Romero nel caso del rigore causato…), il terzo è diffidato. Insomma, si ha la sensazione che da una parte i valori di questa squadra ci sono, ma dall’altra non si riesce ad esprimerli. E lo stesso Nicola si trova ad avere gli stessi problemi dei suoi predecessori.

L’inferno è vicino, scrive qualcuno. Ed è vero, anche perché sembra impensabile che una squadra che si considera tale, vada in vantaggio con uno splendido gol e poi non riesca a tenere il risultato per una ragione o per l’altra.

Domenica arriva la Roma, con la quale inizia il girone di ritorno. Bisognerebbe raggiungere quaranta punti al termine del secondo ciclo. Non sono pochi, avendone solo 14 e soprattutto vedendo le rivali che, in un modo o nell’altro, fanno punti e non hanno la minima intenzione di farsi sopraffare. Non ci sono, dunque, squadre “materasso” quest’anno: per la lotta per la salvezza ormai si possono delineare tre, quattro, forse cinque squadre, Lecce, Spal, Brescia, Genoa appunto, visto che la Sampdoria si sta allontanando. È vero: il cammino è ancora lungo, guai a lasciarsi andare alla disperazione o peggio ancora alla rassegnazione. Perin, uno che ha il cuore tutto rossoblù, grida: «I giocatori siamo noi e dobbiamo noi tirarci fuori dai guai!». Speriamo sia davvero così.

Vittorio Sirianni

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.