Il focus di Tmw sul Genoa: il mercato non è ancora concluso

Riprendiamo questo articolo da Tmw Nelle ultime sessioni di mercato estive i tifosi del Genoa si sono abituati a vedere la propria squadra stravolta rispetto alla stagione precedente. E quella di questo 2013-2014 non è stata (e non sarà) certamente da meno. Alle partenze illustri di Frey, Moretti e Bovo (oltre a Borriello tornato alla […]

12
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Riprendiamo questo articolo da Tmw

Nelle ultime sessioni di mercato estive i tifosi del Genoa si sono abituati a vedere la propria squadra stravolta rispetto alla stagione precedente. E quella di questo 2013-2014 non è stata (e non sarà) certamente da meno. Alle partenze illustri di Frey, Moretti e Bovo (oltre a Borriello tornato alla Roma) si è aggiunto il ritiro dello storico capitano Marco Rossi. In entrata, però, sono arrivati calciatori come Marchese, Lodi, Santana e De Maio (ed è tornato Gilardino) che nei programmi del presidente Preziosi non dovrebbero far rimpiangere chi ha abbandonato la Lanterna. Ma i colpi in entrata e in uscita del ds Delli Carri, c’è da giurarci, non sono ancora finiti.

Cosa fare in entrata

La priorità, al momento, è un portiere da affiancare a Perin, ed il nome di Albano Bizzarri è sempre il primo della lista. Sistemata la porta, il Genoa si concentrerà su difesa e attacco. Per il reparto arretrato gli ultimi rumors parlano di un forte interesse per Gamberini, ma attenzione anche alla situazione di Capuano del Pescara. In attacco, invece, si punterà su una scommessa buona per il presente ma soprattutto per il futuro: Niang del Milan, Henri Saivet del Bordeaux e Gonzalo Bueno del Nacional sono le piste seguite con attenzione.

Cosa fare in uscita

I sondaggi più interessanti sono arrivati per Andreas Granqvist. In Russia se ne parla con insistenza, ma ancora di offerte vere e proprie non ne sono arrivate. Un altro che può portare una buona plusvalenza è Juraj Kucka, sul quale il Wolfsburg fa sul serio da diverse settimane. In attacco, infine, resta da capire cosa farà Gilardino: se sarà convinto e motivato può restare agli ordini di Liverani, altrimenti verrà ceduto e rimpiazzato con i soldi derivanti dalla sua cessione.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.