Gazzetta dello Sport: le principali plusvalenze di Preziosi

Da Milito e Thiago Motta, passando per Palacio, sino ad arrivare a Pellegri: una rassegna delle operazioni più importanti svolte dal presidente

3921
Diego Milito (Foto New Press/Getty Images)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

«Per un club come il nostro, la parola plusvalenza fa spesso rima con sopravvivenza». La Gazzetta dello Sport riporta una dichiarazione di Enrico Preziosi riguardo al futuro di Piatek a inizio stagione, quando già aveva dimostrato le sue qualità di bomber. Il quotidiano passa in rassegna le sue principali operazioni di mercato: a cominciare da Thiago Motta, scartato dal Barcellona e costato al Genoa appena 127mila euro, rivenduto per 10 milioni all’Inter dove vinse il Triplete. A seguire c’è Milito, acquistato dal Real Saragozza per 9,4 milioni con il famoso lancio del contratto nell’ultimo giorno di mercato e rivenduto all’Inter l’anno successivo per 28 milioni. Altre plusivalenze da Borriello, Palacio ed El Shaarawy: per arrivare a Pellegri ceduto al Monaco per 25 milioni.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.