Championship, Segunda Division, Ligue e Bundesliga 2: i possibili affari per il Genoa

Riflettori puntati su una serie di giocatori delle squadre dominatrici degli equivalenti della nostra serie B e su alcuni svincolati: spiccano i nomi di Osvaldo e Sissoko

69
Vincenzo Grifo dopo un gol col Friburgo (Stuart Franklin/Bongarts/Getty Images)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

In tempi come questi di vacche magre soprattutto nelle società italiane, è importante scovare giocatori prima delle big, farli crescere e poi maturare un bel gruzzolo dalla vendita. Questa oramai è diventata la consuetudine del Genoa, che deve dare più di un occhio al bilancio valorizzando (e magari rigenerando) giocatori da vendere altrove: la lista è lunghissima, dagli storici Milito e Thiago Motta, passando poi per i vari Bertolacci, Perotti, Iago Falque, e chissà in futuro (purtroppo) anche con Rincon, Ansaldi e Pavoletti.

Appena sarà ufficializzato Ivan Juric come nuovo allenatore, la società rossoblù potrà muoversi in ottica calciomercato 2016/2017: Pianetagenoa1893.net ha provato a fare un po’ di scouting, passando tra le squadre migliori delle serie inferiori e vedendo anche qualche svincolato di lusso.

Inarrivabili i giocatori della Premier League, ecco i riflettori sulla Championship inglese (la nostra Serie B) che spesso offre grande spettacolo da far arrossire i grandi.

Nel Middlesbrough di Aitor Karanka (ex gloria del Real Madrid anni 90) è tornata a brillare la stella di Gaston Ramirez, centrocampista uruguaiano di 26 anni che fu scoperto e lanciato dal Bologna nel 2010: nell’estate 2012 fu venduto al Southampton per 15 milioni di euro, ma la prima stagione con i Saints non fu entusiasmante, mentre nella seconda subì un grave infortunio che lo tenne fuori a lungo. Nel settembre 2014 passa in prestito all’Hull City ma segna solo 1 gol e retrocede: torna quindi al Southampton dove fa solo panchina, fino allo scorso gennaio quando accetta di scendere dalla Premier e sposa la causa del Middlesbrough con cui raccoglie 18 presenze e 7 gol in 6 mesi, e la promozione ottenuta sul campo. Potrebbe essere un bell’acquisto per la Serie A.

Restando in Championship, il Burnley ha dominato il campionato da capolista grazie ai 23 gol del bomber inglese Andre Anthony Gray (25 anni), uno che ha sempre segnato grappoli di rete ovunque abbia giocato ed ha una fame pazzesca di emergere (la storia di Vardy vi dice niente?).

Spostiamoci in Spagna, nella Segunda Division in casa dell’Alaves finito davanti a tutti: a Juric potrebbe far comodo un terzino come Raul Garcia (classe 1989), instancabile motorino sulla destra con 112 palloni recuperati, 3446 minuti giocati, 1086 passaggi, 41% di tiri in porta nella sua stagione e ben 5 gol in campionato. Non male, considerati i numeri statistici. Nella rivelazione Deportivo Leganes (promosso in Liga da 2° classificata) occhi sul brasiliano, con passaporto portoghese, Gabriel (23 anni), centrocampista centrale a cui piace agire davanti alla difesa e non disdegna tirare in porta (7 reti).

Passiamo nella Ligue 2 francese: nel Metz è tornata a splendere la stella di Yeni N’Gbakoto, centrocampista offensivo di 24 anni, prodotto del settore giovanile. Tra i più presenti in campionato dei suoi (38 presenze) e gran marcatore (12 gol), con cui ha contributo alla promozione della sua squadra.

Nel Digione (altra promossa) sugli scudi il portiere Baptiste Reynet (25 anni), tra i migliori della Ligue 2 in termine di rendimento e costanza.

Ora siamo in Germania, nella 2.Bundesliga dominata dal Friburgo: in rosa un giocatore, nato in Germania ma di origini italiane (precisamente della provincia di Agrigento), che ha un nome che è tutto un programma per i colori rossoblù. Si tratta dell’attaccante esterno Vincenzo Grifo (22 anni), capace di segnare 14 reti ed esser il secondo miglior realizzatore della sua squadra dietro al cannoniere Petersen (21 gol).

Centravanti di razza invece è l’americano Bobby Wood (classe 1992) dell’Union Berlino, che è esploso finalmente quest’anno realizzando 17 centri in campionato.

Voglia di affari dal mercato degli svincolati? Se partisse Pavoletti viene subito in mente il nome di Daniel Pablo Osvaldo, un giocatore che se avesse avuto continuità avrebbe fatto sicuramente una carriera diversa. Dopo i flop con Southampton, Juventus, Inter e Porto, anche in patria al Boca Juniors ha fatto più parlare per vicende extra campo che per le gesta alla “Bombonera”. La stagione 2015/2016 è da dimenticare (tra Porto e Boca, totale 10 presenze ed 1 gol), ed ora è senza contratto.

Un altro attaccante che in una realtà come quella del Genoa potrebbe fare bene, è lo spilungone danese Nicklas Bendtner (campione d’Italia con la Juventus nel 2012/2013), ex promessa dell’Arsenal, che ha deluso in Bundesliga col Wolfsburg (3 gol) ma che potrebbe fare al caso di Juric (stile Budimir a Crotone).

A centrocampo potrebbe servire l’esperienza di Mohamed Sissoko (31 anni), franco-maliano già visto in Serie A con Juventus e Fiorentina, reduce da 3 mesi in Cina con lo SH Shenhua.

Altra vecchia conoscenza è il terzino marocchino, con passaporto spagnolo, Zouhair Feddal (27 anni) ex di Parma, Siena e Palermo, e nell’ultima stagione in forza al Levante nella Liga spagnola.

Interessante anche il terzino brasiliano (con passaporto portoghese) Guilherme (26 anni, ex Steaua Bucarest con 117 presenze e 16 gol nel massimo campionato romeno).

Infine una doppia curiosità: tra gli svincolati ci sono anche gli ex genoani Lucas Rimoldi (oggi 36enne, ed un lungo pellegrinaggio tra Grecia, Messico ed Argentina) e Felipe Seymour (rientrato in Cile).

Roberto Sabatino

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.