Alario-Genoa, un fondo internazionale blocca l’affare

Non solo il River Plate dietro Lucas Alario: un fondo internazionale blocca il Genoa

53
Lucas Alario (Franklin Jacome/LatinContent/Getty Images)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Il Genoa è tornato solido dal punto di vista finanziario, riducendo parte dell’esposizione debitoria verso l’estero. Questo si rinviene nell’agilità ritrovata del Grifone a muoversi in campionati esotici, come quello sudamericano. Preso Ocampos dal Marsiglia, il club più antico d’Italia pensa da tempo a Lucas Alario del River Plate. I Millonarios, come molti club argentini, vivono un momento di ristrettezza economica e tutti i pezzi pregiati sono sul mercato: lo insegna il recente passato, Funes Mori è andato all’Everton, Kranevitter lo ha chiamato il Cholo Simeone, Mammana al Lione.

La stampa argentina è ancora fredda sull’affare Alario-Genoa. L’operazione ha subito un rallentamento improvviso: dallo scorso giugno il River Plate ha raddoppiato le quote del cartellino, passando dal 30% al 60% mentre il restante 40% resta di proprietà di un fondo internazionale. Qui nascono i problemi che hanno portato all’abbandono del Liverpool: i Reds erano vicinissimo ad Alario ma la presenza di una terza parte ha scoraggiato la dirigenza dall’acquisto perchè nel campionato inglese le Third Part Ownership, le terze parti titolari del cartellino (fondi d’investimento), sono vietate dal 2008.

A partire dal 1º maggio 2015 le TPO sono state messe al bando dalla FIFA: quelle già in vigore – è il caso di Alario – sono prorogate fino alla naturale scadenza. Questa disposizione vincola le Federazioni di tutto il mondo, difatti la FIGC il 13 maggio 2015 ha recepito positivamente il divieto imposto dal massimo organismo internazionale.

Il Genoa si trova di fronte a un bivio: addentrarsi nella scatola cinese delle TPO con il rischio di non sapere quantificare l’esborso definitivo per Lucas Alario oppure pagare la clausola risolutoria di 15 milioni di dollari per portare il “Pipa” in rossoblù. L’attuale centravanti titolare, Leonardo Pavoletti, rappresenta una certezza non solo da un punto di vista tecnico.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.