Il Boca Juniors vince un Superclasico d’antologia

Due espulsi ma tante giocate d'alta classe: agli Xeneizes di Schelotto la partita del Monumental, decisa da un ex obiettivo del Genoa

99
Il gol di Nahitan Nandez del Boca Juniors (da Punto Deportivo)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Ganò Boca! Ganò Boca! Ganò Boca! Lo ripete tre volte il telecronista più famoso d’Argentina, al termine del Superclasico numero 244 della storia. Questo entra di diritto tra i più coinvolgenti. Si è visto di tutto al Monumental: botte, grandi gol, giocate ed errori arbitrali. Non è mancato nulla nell’impanto di Nuñez, barrio riverino.

Primo tempo di marca Boca. La squadra di Guillermo B. Schelotto passa in vantaggio al 42′ grazie a una punizione splendida calciata da Edwin Cardona: esecuzione sopra la barriera e diretta all’angolino alto alla sinistra di Lux. Con buona pace del collega argentino Guido Glait, che a TyC Sports aveva affermato prima del fischio d’inizio: «Se Cardona segna su punizione mi presento in studio in mutande». Dovrà mantenere la promessa. River Plate nervoso e senza idee, quattro ammoniti e un espulso nella prima frazione di gara. Saltano i nervi a Ignacio Fernández quando al 38′ atterra proprio Cardona con un bruttissimo fallo a gamba tesa direttamente sul petto.

[embedcontent src=”twitter” url=”https://twitter.com/cinergiaonline/status/927317461598375936″]

Nella ripresa l’episodio che cambia la partita avviene al 61′. Pitana espelle Cardona per una gomitata: il craque del Boca Juniors aveva, invece, allargato la mano sulla spalla di un avversario in corsa. Decisione folle che tuttavia esalta lo spettacolo. Dieci contro dieci Gallardo, apodato come Napoleón, e Schelotto rinunciano al centrocampo per provare a vincere. Ogni azione genera una palla gol, tattica zero ma che goduria questo Superclasico. Il pareggio è di Leo Ponzio, gran gol a giro dai venticinque metri, Rossi poco plastico nel tentativo di parata.

Il Boca fallisce due contropiede in superiorità numerica ma il gol vittoria arriva da Nahitan Nandez, mezz’ala inseguita tempo fa dal Genoa. Traversone morbido di Pablo Perez e colpo al volo dell’uruguagio classe ’95. Il Superclasico è Xeneize.

[embedcontent src=”twitter” url=”https://twitter.com/hoysejuegaaca/status/927314711112306688″]

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.