Riepilogo di Genoa-Albissola 3-0: grande affiatamento per la coppia Pandev-Piatek

In palla il centravanti polacco che ha segnato due gol e l'attaccante macedone. Rossoblù abbastanza convincenti contro i "ceramisti" che hanno giocato a viso aperto

1413
Il Genoa festeggia dopo un gol di Piatek (Foto Genoa cfc Tanopress)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Nuova uscita amichevole per il Genoa di Ballardini nella terza fase del ritiro precampionato 2018 a Bardonecchia. Contro l’Albissola, compagine savonese neo promossa in Serie C, il tecnico rossoblù collauda inizialmente la difesa a 3 con Spolli, Gunter e Zukanovic, rilanciando il “mondiale” Hiljemark dal primo minuto in mezzo al campo assieme al nuovo acquisto Rolon e confermando Lazovic sulla fascia al posto del possibile partente Diego Laxalt. Dimostra subito grande affiatamento la coppia Pandev-Piatek, col polacco già al 5’ bravo ad innescare di testa l’inserimento del capitano che però tirava troppo centralmente. E’ in palla l’attaccante macedone, in versione assist-man anche per Lazovic, il cui tiro però di sinistro finiva malamente fuori. Al 14’ il gol del Genoa: caparbia azione centrale di Pereira, bravo a resistere ad una doppia marcatura dei giocatori dell’Albissola, palla poi allargata per il solito Pandev che metteva in mezzo un pallone d’oro per la testa di Piatek e l’1-0 rossoblù. Dopo un tiro debole di Kouamè, era finalmente l’Albissola a farsi viva dalle parti di Marchetti: al 21’ Cais calibrava male il tiro che finiva alto sopra la traversa, al 23’ era Damonte a sfiorare il pareggio tirando al volo fuori ad un passo dal palo sinistro, e poi ancora con Gulli al 32’ (colpo di testa). Il Genoa tirava nuovamente fuori la testa, un tiro di Pandev col sinistro finiva di poco a lato.

Al 38’ il raddoppio, cross dalla sinistra di Kouamè, tocco del solito Pandev e Piatek da due passi la spingeva dentro per il 2-0. Nella ripresa Ballardini cambia otto/undicesimi, lasciando in campo solo Pereira, Gunter e Kouamè. Dentro Radu, Lakicevic, Criscito, Omeonga, Spinelli, Lapadula e Dalmonte. Sono però i ceramisti dell’Albissola a mettere più benzina, col pericoloso Cais murato tempestivamente dall’ottimo Gunter. Al quarto d’ora Radu smanaccia un cross dalla sinistra ma Mahrous è impreciso nella respinta in porta. Al 20’ è Russo a correre sulla sinistra, mettendo in mezzo un pallone buono che però nessun compagno era bravo a finalizzare. Al 26’ nella prima vera occasione della ripresa il Genoa firma il tris: assist di Omeonga per Kouamè che batte con un potente tiro il portiere avversario firmando il 3-0.

Nel finale ancora Albissola pericolosa alla ricerca quantomeno del gol bandiera: due occasioni per Oukhadda, giovane scuola Torino, chiuso in angolo in entrambe le giocate. Allo scadere Vodisek (terzo portiere genoano in campo per Radu) non trattiene un pallone, ma Russo non è lesto a deviare sotto porta. Buon test per il Genoa, con alcune indicazioni interessanti per mister Ballardini: dopo l’amichevole che si giocherà sabato in terra francese col Montpellier, dal 12 agosto si farà sul serio con la Coppa Italia.

CLICCA QUI PER LEGGERE LA DIRETTA DI GENOA-ALBISSOLA SUL LIVE MATCH DI PIANETAGENOA1893.NET

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.