Juric e i suoi esperimenti per capire chi sia Omeonga

Il tecnico del Genoa è incuriosito dal belga d'origine congolese: lo studierà fino all'ultimo per scoprire la collocazione ideale

43
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Ci sono momenti in cui l’allenatore deve essere un abile chimico. Scoprire in laboratorio l’equilibrio tra i reagenti di un composto è come intuire le caratteristiche tecniche di un calciatore prima di collocarlo nell’ideale porzione di campo. Esistono i siti specializzati, esistono video provenienti da ogni angolo del mondo, vero, ma nulla sarà mai equivalente all’analisi dell’occhio umano. Così sta facendo mister Juric con Stephane Omeonga. Vestito del solito camice bianco, ossia l’abbigliamento sportivo con scarpe tacchettate, il tecnico del Genoa sta esaminando il centrocampista belga proveniente dall’Avellino. Veri e propri esperimenti calcistici che in breve tempo dimostreranno il valore di Omeonga.

Era di passaggio, poi ha stregato tutti. Juric se l’è portato prima a Neustift e ora a Bardonecchia, nel duplice ritiro estivo. Piano con gli entusiasmi, il croato aveva fatto così anche con Luca Zanimacchia un anno fa. Però è indubbio pensare che Omeonga abbia guadagnato molta considerazione dallo staff e dallo spogliatoio genoano. Di lui parlano tutti bene: ha un grande sorriso dovuto all’età, un carattere positivo e aperto. I tifosi del Grifo, tuttavia, non lo conoscono ancora come calciatore.

Negli allenamenti a Pegli Omeonga ha costantemente suscitato buone sensazioni ai prenditori d’appunti. Deve ampliare il suo bagaglio tattico perché ancora non sa leggere dei movimenti senza palla piuttosto semplici, però nel breve è rapido ed esplosivo. La sua forza sta sicuramente negli appoggi e nelle gambe. Contro il Savona, messo da Juric all’ala destra anomala, ha dato l’impressione di non trovarsi pienamente a suo agio: si è un pò eclissato dal gioco toccando pochi palloni e, quando si accentrava, ha voltato le spalle alla porta in più di un’occasione. Omeonga sembra più un borseggiatore di palloni, che assistman. In attesa di future prove o controprove dalle amichevoli del Genoa e dei responsi che arriveranno dal chimico di Spalato.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.