Sentenza Uefa: Milan fuori dalle coppe per un anno

L’Organo di Controllo Finanziario per Club ha escluso i rossoneri dall'Europa League per violazione del fair play finanziario: ora proporranno ricorso al Tas di Losanna

179
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

L’Uefa ha escluso oggi il Milan dalle coppe per un anno. Il club rossonero è stato dunque escluso dalla partecipazione all’Europa League. In un comunicato della federazione europea si legge infatti: “La camera giudicante dell’Organo di Controllo Finanziario per Club (CFCB), presieduta da José Narciso da Cunha Rodrigues, ha preso una decisione sul caso AC Milan a seguito del rinvio del responsabile della camera di investigazione CFCB per la violazione delle norme del fair play finanziario, in particolare per la violazione della regola del pareggio di bilancio (break-even rule)”. E aggiunge: “Il club sarà escluso dalla prossima competizione UEFA per club a cui sarà qualificato nelle prossime due (2) stagioni (es.: una nella stagione 2018/19 o in quella 2019/20, in caso di qualificazione)”. Ciò significa che il Diavolo è escluso per una sola stagione: se non lo fosse stato per quella entrante, lo sarebbe stato per quella successiva. La Uefa spiega che “contro questa decisione è possibile presentare ricorso al Tribunale Arbitrale dello Sport, secondo l’Articolo 34(2) del regolamento procedurale che governa l’Organo di Controllo Finanziario per Club UEFA, e secondo gli Articoli 62 e 63 degli Statuti UEFA. Le motivazioni della decisione verranno pubblicate su UEFA.com a tempo debito”.

La reazione del Milan è stata immediata: in un comunicato ha annunciato il ricorso contro la decisione. “L’Adjudicatory Chamber del Club Financial Control Body (CFCB) dell’UEFA ha deciso di sanzionare AC Milan per le violazioni della normativa sul Financial Fair Play commesse da luglio 2014 a giugno 2017 con un anno di esclusione dalle Competizioni Ufficiali Europee per Club. Nel prendere atto di tale decisione, AC Milan comunica di aver richiesto al proprio pool legale di avviare la procedura di ricorso presso il Tribunale Arbitrale dello Sport di Losanna, confidando in una sollecita revisione del provvedimento” conclude la nota riportata sul sito ufficiale rossonero.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.