Roberto Vecchioni: “L’Inter è un’accozzaglia kafkiana fatta di persone che non sanno quasi neanche da dove vengono”

Il celebre cantautore, tifoso interista: "Non è colpa né di de Boer né di Pioli, ma dell’accozzaglia. Non è solo con i grandi nomi che si fa una grande squadra"

112
Roberto Vecchioni e il difensore dell'Inter Andrea Ranocchia (Foto Claudio Villa - Inter/Getty Images)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

“L’Inter è un’accozzaglia kafkiana fatta di persone che non sanno quasi neanche da dove vengono e questo si vede benissimo nel gioco della squadra”. Roberto Vecchioni, cantautore e insegnante di Lettere, definisce così ai microfoni di Sky Sport la sua squadra del cuore. Secondo il celebre cantautore: “Non è colpa né di de Boer né di Pioli, ma dell’accozzaglia. Non è solo con i grandi nomi che si fa una grande squadra. Come per le canzoni, le grandi cose sono sempre le cose più semplici. Bisogna essere prima di tutto professionisti”. Altra definizione: “L’Inter è sempre un tira e molla, una volta vince e l’altra perde, ma è sempre uno stimolo a battere i più forti. Il calcio sia andato da un’altra parte, non è più quello che amavamo”. Vecchioni conclude: “Contro la Juventus abbiamo giocato una grande partita per caso, e anche un ottimo primo tempo contro il Milan”.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.