Qui Crotone: rebus a centrocampo per Zenga

Non è sicuro l'impiego di Barberis: nel caso in cui non dovesse farcela toccherebbe a Rohden

82
Walter Zenga durante Crotone-Bologna (Foto Maurizio Lagana/Getty Images)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Un Crotone rinfrancato dall’importante successo casalingo contro il Bologna (1-0), si prepara a far visita ad un Genoa apparso in forma nell’ultimo periodo. La classifica della formazione pitagorica non è di quella da far dormire “tranquilli”: solamente due vittorie nelle ultime sette giornate, entrambe giunte tra le mura amiche, che valgono l’attuale terzultima piazza.  Il successo esterno latita ormai dalla sfida salvezza vinta in modo eccellente in casa dell’Hellas Verona (0-3), da quel momento i tre punti esterni non sono più stati registrati in terra di Calabria. Un finale di stagione “caldo” attende il gruppo di mister Walter Zenga, che nelle ultime settimane ha dovuto sopperire a molteplici infortuni, elementi importanti nei meccanismi di gioco del Crotone.

Out fino al termine della stagione l’attaccante Ante Budimir e il centrocampista Ahmad Benali, sicuramente fuori dai giochi Andrea Nalini, che in settimana ha continuato a lavorare a parte. Non in perfette condizioni l’esterno difensivo Bruno Martella, febbricitante nelle ultime ore ma che ha regolarmente lavorato in gruppo. Da valutare poi saranno le condizioni del centrocampista Andrea Barberis, che nell’ultimo allenamento ha rimediato una botta alla caviglia e sembra destare apprensione in vista dell’impegno ligure. A quarantotto ore dalla sfida dello stadio “Luigi Ferraris”, e al netto degli indisponibili, il Crotone dovrebbe schierarsi con il suo collaudato modulo 4-3-3: tra i pali la certezza sarà la presenza del capitano Alex Cordaz, sugli esterni Bruno Martella e Davide Faraoni dovrebbero essere confermati, mentre la coppia centrale sarà composta da Federico Ceccherini e dal Nazionale albanese Arlind Ajeti, vista la squalifica di Marco Capuano.

A centrocampo i dubbi maggiori, con Mandragora e Stoian – quest’ultimo schierato basso davanti alla difesa – mentre ci sarà da sciogliere il dubbio sull’impiego dal primo minuto di Andrea Barberis. Nel caso in cui non dovesse farcela una maglia da titolare potrebbe finire sulle spalle di Marcus Rohden. In attacco le scelte sembrano essere “quasi” forzate. Federico Ricci, ex di turno partirà dal primo minuto così come Marcello Trotta, per il quale potrebbe esserci un ruolo da esterno nel caso in cui Nwankwo Simy acquisisca lo status di titolare come prima punta, o da punta centrale nel caso in cui sulla fascia opposta a quella di Federico Ricci fosse impiegato il giovane Giovanni Crociata, anche se Walter Zenga potrebbe anche schierare a sorpresa e quindi da titolare il recuperato talentino scuola Roma, Marco Tumminello che sembra essere tornato a pieno regime nel gruppo pitagorico.

Tre punti importanti sono in palio nel match tra Genoa e Crotone, un successo ligure metterebbe una seria ipoteca sulla salvezza inguaiando ancor di più il Crotone, nel caso di risultato positivo – sia esso di parità o di vittoria – i rossoblù di Calabria potranno guardare con maggiore fiducia ai confronti ravvicinati contro Juventus e Udinese.

Leonardo Vallone – Ilrossoblù.it

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.