Primocanale: caso Obiang, assolti Ferrero, la figlia Vanessa e il nipote Giorgio

Il gup Alessandro Arturi, del tribunale di Roma, ha assolto tutti “perché il fatto non sussiste”

390
Ferrero
Il presidente Massimo Ferrero mentre cerca di frenare i cori razzisti dei tifosi della Sampdoria contro i tifosi del Napoli (Foto Paolo Rattini/Getty Images)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Prosciolto da tutte le accuse il presidente della Sampdoria, Massimo Ferrero. Il gup Alessandro Arturi, del tribunale di Roma, ha assolto “perché il fatto non sussiste” – scrive Askanews – anche le altre quattro persone che erano citate nel fascicolo. L’indagine nel novembre scorso portò ad una serie di sequestri per circa 2,6 milioni di euro, poi parzialmente annullati dal tribunale del Riesame. Nei confronti di Ferrero le accuse erano di appropriazione indebita, autoriciclaggio e utilizzo di fatture false. A rischiare il processo c’erano anche la figlia dell’imprenditore, Vanessa e il nipote Giorgio oltre che due manager Marco Valerio Guercini e Andrea Diamanti.

Nella richiesta di rinvio a giudizio per Ferrero e altri il procuratore aggiunto Rodolfo Sabelli e il sostituto Maria Sabina Calabretta hanno scritto che Ferrero e la figlia “in concorso tra loro e con più atti esecutivi del medesimo disegno criminoso, per procurare alla società Vici srl un ingiusto profitto, si appropriavano indebitamente di parte delle somme accreditate con bonifico estero” per la vendita il 17 giugno 2015 del calciatore Pedro Obiang, per un totale che supera il milione di euro.

Le indagini erano partite dall’analisi di una serie di transazioni finanziarie ritenute anomale da parte delle società del gruppo Ferrero. Il denaro – sempre secondo gli inquirenti – sarebbe stato distratto attraverso l’utilizzo di fatture false emesse da una società riconducibile al patron, anche se amministrata da un altro soggetto; soldi successivamente riutilizzati sia per sanare debiti di altre imprese del gruppo, sia per finanziare un film prodotto da altre due società, sempre riferibili al presidente della Sampdoria. I magistrati della Capitale contestavano a Ferrero “le aggravanti di aver cagionato alla Uc Sampdoria spa un danno patrimoniale di rilevante entità e di aver commesso il fatto abusando di relazioni d’ufficio”.

In base all’impianto accusatorio, poi, veniva contestato a Massimo e Vanessa Ferrero, insieme con Andrea Diamanti, di avere, “con artifizi e raggiri”, simulato un rapporto di lavoro subordinato tra il presidente della Sampdoria e le società Vici srl e con Cgcs srl. Per i sarebbero state “strumentalmente” prospettate “rivendicazioni del tutto infondate legate alla natura del rapporto tra Massimo Ferrero e le predette società”.

Tratto da Primocanale

CLICCA QUI PER COMMENTARE LA NOTIZIA SUL SITO DI PRIMOCANALE

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.