La Juventus risponde a Il Fatto Quotidiano: “Nessun dipendente o tesserato è stato indagato in sede penale”

In un comunicato il club "e il Presidente Andrea Agnelli, alla luce di alcuni articoli pubblicati in questi giorni, comunicano di aver affidato ai legali la tutela della propria onorabilità e rispettabilità"

52
Juventus
Andrea Agnelli, Juventus (Photo by Alexander Hassenstein/Bongarts/Getty Images)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

La Juventus risponde in comunicato sul proprio sito ufficiale all’articolo de Il Fatto Quotidiano (clicca qui per leggere). “Juventus Football Club e il Presidente Andrea Agnelli, alla luce di alcuni articoli pubblicati in questi giorni, comunicano di aver affidato ai legali la tutela della propria onorabilità e rispettabilità.

Si precisa che la Procura della Repubblica di Torino ha avviato, e recentemente concluso, un’indagine su alcune famiglie ritenute appartenenti alla ‘ndrangheta alle quali si contestano oltre a reati contro persone e patrimonio, anche il tentativo di infiltrazione in alcune attività di Juventus Football Club. Si ricorda inoltre che nessun dipendente o tesserato è stato indagato in sede penale.

Si precisa altresì che, nel pieno rispetto delle indagini e degli inquirenti, la società ha sempre collaborato mantenendo uno stretto riserbo a tutela del segreto istruttorio.

Per quanto attiene alla giustizia sportiva, la società ha già dimostrato fattivamente la propria disponibilità a collaborare”.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.