Biava: compleanno da infortunato

Il poderoso difensore del Genoa compie trentadue anni ma non potrà  festeggiare questa ricorrenza in campo. L'infortunio patito nel derby, infatti, lo ha messo k.o. per il resto della stagione

28
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

In questo periodo i compleanni in casa Genoa non cadono certo in momenti particolarmente felici: la scorsa settimana Ruben Olivera ha festeggiato con un infortunio che lo ha estromesso dal derby, mentre quest’oggi Beppe Biava raggiunge la soglia dei trentadue con la consapevolezza di aver concluso in anticipo il proprio campionato a seguito dello scontro fortuito con il blucerchiato Franceschini, che gli ha procurato la frattura di una costola.

Il forte difensore è stato uno dei grandi protagonisti della straordinaria annata dei rossoblù. Arrivato in punta di piedi e più volte ritenuto vicino ad una immediata cessione, il lombardo si è subito conquistato la fiducia del mister grazie ad un mix di serietà, concentrazione, tempismo, senso della posizione e acume tattico.

Un elemento che non disdegna neppure le progressioni offensive: con la casacca del Grifone, l’ex palermitano ha realizzato due reti (contro Siena e Torino), sfiorandone almeno altre cinque in occasione delle gare contro Lazio, Sampdoria, Inter, Juventus e Napoli.

Giuseppe Biava non può essere considerato semplicemente un mastino. Quest’anno ha dimostrato di possedere doti ben più importanti e rare per il panorama attuale dei difensori. Bravo ad impostare come un centrocampista e ad incornare in area avversaria come un bomber di razza, il giocatore è stato anche ad un passo da una meritata convocazione in nazionale. Per molti, l’età che avanza dovrebbe costituire un deterrente per un suo debutto in azzurro ma, se anche il prossimo anno le sue prestazioni si mantenessero a questi livelli, il commissario tecnico Marcello Lippi non potrebbe certo snobbarlo.

Da tutta la redazione di Pianetagenoa1893, tanti sinceri auguri di buon compleanno e di immediata guarigione.

Claudio Baffico 

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.