La quindicesima volta di Gianluca Manganiello col Genoa

Al Var andrà il "pro" Daniele Paterna, che in due gare è intervenuto per sanare errori in campo: in Inter-Genoa ed in Hellas Verona-Genoa

Manganiello
Gianluca Manganiello (Foto Maurizio Lagana/Getty Images)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Sono quindici le designazioni complessive per Gianluca Manganiello, l’arbitro chiamato per la direzione di Roma-Genoa per il posticipo serale in programma oggi nella Capitale. Undici, invece, le gare ufficiali passate negli annali mentre in tre occasioni è stato utilizzato per amichevoli del Grifone. Il 42enne direttore di gara, analista finanziario nativo di Pinerolo (Torino) è, invece, alla terza volta nella stagione 2023/24 con un precedente legato all’amichevole agostana con la Cremonese al “Giovanni Zini” e l’altro legato alla gara di campionato che ha visto il Genoa battere l’Hellas Verona in casa degli scaligeri (1-2 il risultato).

I “sacri testi” del pallone riportano globalmente 5 vittorie, 3 pareggi e 3 sconfitte (fra gare interne e trasferte) mentre lontano dalle mura amiche del “Luigi Ferraris”, il Genoa con Gianluca Manganiello ha ottenuto l’unica vittoria nella gara in terra veneta precedentemente citata. Sempre distante dalla protezione della Lanterna, il Grifone ha poi incamerato una sconfitta a Cagliari (3-1 il 20 settembre 2019) e un pareggio con il Sassuolo a Reggio nell’Emilia (1-1 il 6 gennaio 2022), con gol genoano segnato da Mattia Destro con un pregevole colpo di tacco dalla corta distanza.

Gli assistenti saranno Pietro Dei Giudici e Davide Moro, rispettivamente delle sezioni arbitrali di Latina e di Schio, mentre Francesco Cosso della sezione Aia di Reggio di Calabria vigilerà fra le panchine. In sala Var siederanno il “pro” Daniele Paterna della sezione di Teramo – curiosamente con lo stesso incarico nel citato Hellas Verona-Genoa – e Luca Pairetto della sezione di Nichelino e per la prima volta nel ruolo assegnatogli. La professionalità del “pro” Daniele Paterna si è notata in due occasioni: lo scorso 4 marzo, Inter-Genoa, l’arbitro Giovanni Ayroldi assegna un inesistente rigore ai padroni di casa per un intervento in scivolata di Frendrup a deviare un tiro di Barella che rovina sul difensore rotolandosi a terra come un forsennato; il Var richiama giustamente l’arbitro il quale dopo aver visto e rivisto al monitor l’azione incriminata, incredibilmente conferma la massima punizione. Invece, in Hellas Verona-Genoa l’intervento di Daniele Paterna contribuisce a far annullare un gol di Swiderski al 71’ per fuorigioco di Mitrović il quale gli ha fornito l’assist.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.