I precedenti del Genoa e di Ballardini con Giacomelli

Con l'arbitro di Trieste il Grifone ha ottenuto una sola vittoria casalinga (contro il Sassuolo nella stagione in corso), quattro pareggi ed una sola sconfitta nel lontano aprile del 2011

171
Giacomelli consulta il Var per valutare il fallo di Bonucci su Rosi (Foto Marco Luzzani/Getty Images)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Quarta chiamata stagionale per Piero Giacomelli, quarantenne arbitro di Trieste, quando tra le due contendenti c’è il Genoa. In carriera, invece, salgono a sette le presenze del ristoratore prestato al calcio professionistico quando è il Grifone a fare gli onori di casa.
Gli almanacchi del calcio ci dicono che con Piero Giacomelli, che dirige gare di Serie A in pianta stabile dal 2012, il Vecchio Balordo ha ottenuto una sola vittoria casalinga (contro il Sassuolo nella stagione in corso), quattro pareggi ed una sola sconfitta nel lontano aprile del 2011. Si trattava di Genoa-Cagliari, vinta dai rossoblù sardi con il più classico dei risultati. Peraltro, quella gara fu la “prima” di Piero Giacomelli sui palcoscenici della massima serie calcistica italiana.
Davide Ballardini e Piero Giacomelli si sono incontrati – al “Tempio” – solo tre volte: la sconfitta interna col Cagliari, il recentissimo pareggio con la Roma e, appunto, la “fresca” vittoria contro il Sassuolo.
In questo campionato, il Grifone non ha mai perso con Piero Giacomelli direttore di gara: due pareggi ed una vittoria.
Il team delle “giacchette nere” è completato dagli assistenti arbitrali Fabrizio Posado e Salvatore Longo, rispettivamente delle sezioni Aia di Bari e di Paola (Cosenza), mentre il compito di quarto ufficiale di gara è stato assegnato a Valerio Marini della sezione Aia di Roma 1. In cabina di regia Var siederanno Maurizio Mariani, della sezione di Aprilia (Latina), e Antonio Giua della sezione di Olbia (Sassari). Per il primo si tratta della quarta volta davanti ai monitor con il Genoa tra le protagoniste (tre sconfitte), mentre per il secondo si tratta della sua prima volta con i rossoblù in mezzo al campo.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.