Gazzetta dello Sport: il Genoa si affida a Deloitte per nuovi possibili acquirenti

Gazzetta dello Sport: il Genoa si affida a Deloitte per nuovi possibili acquirenti

Enrico Preziosi avrebbe affidato all’azienda statunitense il compito di mediare con nuovi, possibili, acquirenti. E i debiti ammontano a 85 milioni

L’esperienza di Giorgio Perinetti per imprimere una svolta: questo l’obiettivo di un Genoa che vuole certamente scrollarsi di dosso il prima possibile le critiche circa la posizione in classifica e le accuse relative al gioco. Ed è con il nuovo dg che riparte, dopo la sosta, un ambiente che secondo La Gazzetta dello Sport è sensibilmente più compatto. Il nuovo dirigente si è subito trovato in sintonia col tecnico Ivan Juric, ammettendo come gli piaccia l’idea di gioco proposta dal mister croato, e il suo ingresso in società va letto pure come un segno di come Enrico Preziosi voglia riprendersi il Genoa. Fallita la trattativa con l’Sri Group, il Joker ha voluto al suo fianco un elemento dal  certo valore (col quale aveva già lavorato a Como, peraltro) e accaparrandosi pure le prestazioni di Giampaolo Marchegiani, talent scout noto per aver scoperto Andrea Belotti.

Sempre restando sull’argomento, stando a quanto si legge sulla rosea, il Genoa ora sarebbe nelle mani di Deloitte per quel che concerne la vendor due diligence, con un advisor che avrebbe essenzialmente il compito di mediare con possibili nuovi acquirenti. Ieri, intanto, l’amministratore delegato Alessandro Zarbano ha chiarito come i debiti ammontino a 85 milioni, di cui 14 legati agli obblighi di riscatto di alcuni calciatori, e gli stipendi siano stati saldati ad agosto. Sul campo, domenica si sperimenterà il 3-5-2 dall’inizio: Lapadula è disponibile ma difficilmente verrà rischiato, Biraschi, Spolli e Migliore ancora out. Problemi per Taarabt, che ha accusato un risentimento e se non dovesse farcela lascerebbe la maglia da titolare a Raffaele Palladino.

0 commenti

Recupera Password

accettazione privacy