Venerdì 25 Aprile 2014
EDITORIALE
VI PIACEREBBE SE...
  
  
  

Daily Network
© 2014
EDITORIALE

Niente "plotoni di esecuzione", ma giustizia equa

03.06.2012 18:26 di Marco Liguori  articolo letto 9639 volte

Il primo troncone del processo sul calcioscommesse si concluderà domani davanti alla Commissione Disciplinare. Le sanzioni saranno (fatta eccezione per qualche club e qualche tesserato) tutto sommato blande rispetto alle previsioni, anche per le società che non hanno voluto patteggiare. Basta vedere le richieste del procuratore capo Stefano Palazzi per queste ultime, tenendo anche conto delle responsabilità. Ecco le principali: -2 punti per il Pescara, -1 per l'Empoli, -10 per l'Ancona, -6 per il Monza ed esclusione dalla Coppa Italia, -2 per il Padova, -6 per la Reggina, mentre per Sampdoria e Siena è stata chiesta un'ammenda di 50mila euro. Si teme che, con l'aria strana che aleggia da qualche settimana attorno al Genoa, la seconda tranche del processo sportivo, dove il club rossoblù sarà deferito per le note vicende della partita del maggio 2011 a Roma contro la Lazio, possa riservare qualche brutta sorpresa. Intendiamoci: la situazione attuale è completamente differente rispetto a quella di quel triste e sciagurato 2005, quando il Vecchio Balordo fu spedito in C1 senza indugio. Ci sono molte altre società coinvolte, come la Lazio, il Lecce e il Bari: inoltre si parla per il Genoa di responsabilità oggettiva (e, sottolineo, non diretta) a causa dei presunti comportamenti illeciti di alcuni giocatori. Tuttavia è bene tenere alta la guardia contro l'eventuale costituzione di "plotoni di esecuzione" dovuti al clima di giustizialismo imperante. Sarò esagerato, ma nelle ultime settimane sembra che il Grifone sia tornato il bersaglio preferito di alcuni "benpensanti" e additato come il "male": non vorrei che poi le richieste di Palazzi siano più severe in omaggio alla solita solfa del "due pesi e due misure". E non a caso i messaggi pervenuti al nostro giornale da tanti tifosi temono questo trattamento ingiusto da parte degli organi di giustizia sportiva.

Per ora abbiamo un parere confortante: quello dell'avvocato Eduardo Chiacchio, noto penalista napoletano ed esperto di diritto sportivo, che ha parlato ai microfoni di Primocanalesport della sentenza spartiacque sulla responsabilità oggettiva del Benevento di un anno fa. In base a ciò il Genoa rischierebbe due punti di penalizzazione: sarebbe un trattamento in linea con quanto adottato da Palazzi in settimana. Spero di sbagliarmi, ma resto vigile: perché il processo sia equo e non sia praticata giustizia sommaria.
Marco Liguori

RIPRODUZIONE DELL'ARTICOLO CONSENTITA SOLO PER ESTRATTO PREVIA CITAZIONE DELLA FONTE: WWW.PIANETAGENOA1893.NET


Altre notizie - Editoriale
Altre notizie
 

CHIEDERE QUATTRO PRESTAZIONI DECENTI È TROPPO?

Il Genoa di quest’anno calcistico, che ormai sta per spirare, è un vero mistero. Dopo il cambio di allenatore sembrava aver imboccato un cammino molto positivo. Riepilogando brevemente alcuni risultati importanti: nel girone di andata ha vinto fuori casa con la Lazio...

ESCLUSIVA PG - RAGUSA, PARLA L'AGENTE: «CONCRETE POSSIBILITÀ PER IL SUO RITORNO AL GENOA»

Pedalare, ha pedalato. Forse più di altri. E l'arrivo, il primo di quella che si spera diventi una lunga serie, or...

AYOZE PÉREZ SEGUITO DAL GENOA. IL SUO AGENTE: "PIACE IN ITALIA"

Ayoze Pérez (20 anni) è uno degli attaccanti più interessanti del panorama spagnolo. Il giocatore, che h...

QUI ZINGONIA: MORALEZ SEMPRE PIÙ A RISCHIO. POSSIBILI DEFEZIONI PER BRIVIO E LUCCHINI

Anche oggi Brivio, Lucchini e Moralez si sono allenati a parte. Secondo Gazzetta.it è molto improbabile, a meno di sor...
Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi 25 Aprile 2014.
   Editore: Marco Liguori Norme sulla privacy